“Ho passato diciassette anni facendo la fame, poi ne ho vissuti otto da milionario. Me ne mancano ancora altri nove.”

Annunci

8 Risposte to ““Ho passato diciassette anni facendo la fame, poi ne ho vissuti otto da milionario. Me ne mancano ancora altri nove.””

  1. lox Says:

    Quanto mi sta sul ca**o…

  2. Disorder Says:

    In attesa? Mmmm, NO.

  3. arwen_h Says:

    .. e poi si leva dai cog*******?????

    quanto odio quella gente. mia nonna cita sempre il proverbio “dio me ne guardi dal povero inricchito” e un altro in dialetto, che tradotto dice “quando la merda monta in groppa…”

  4. Antonio Says:

    Ho come l’impressione di essere l’unico a trovare la poesia in un calciatore esagerato in ogni senso.
    Mille volte meglio lui dei noiosi tronisti ragionieri, no?

  5. FedE Says:

    postare il goal all’inter ti potrebbe rendere inviso ai più permalosi tuoi lettori interisti. c’hai pensato?

  6. Arnaldo Says:

    Io sono d’accordo con te, Antonio. Domenica ho avuto modo anche di farmi autografare una maglietta della Samp, e ne sono contento. Non so se è necessario cercare la poesia anche in come si comporta, di sicuro non è difficile trovarla in come gioca.

    Arwen: quel detto è uno dei classici esempi dell’invidia popolare. I problemi parlano anche delle persone che li imparano a memoria, non solo delle persone di cui si parla nei proverbi stessi.

  7. colas Says:

    Antonio, io ovviamente sono con te.
    Arnaldo: cazzo, t’invidio:)

    Trovo molto più poetico Cassano con la sua grammatica incerta e l’attegiamento da scugnizzo che i calciatori “life is now” e billionaire.
    Almeno Cassano si presenta per quello che è.

  8. Maria Sung Says:

    Ho recuperato grazie ad antonio e colas l’intervento di Cassano a Che tempo fa e adesso sono una persona migliore. A parte delle difficoltà linguistiche che non si giustificano con nessun dialetto, e che sono la parte buffa, mi è sembrato molto consapevole di se stesso. Talento+dissipazione però pagano più nella musica che non nel calcio. Non a caso chi segue più il calcio della musica lo detesta, in particolare i milanisti abituati a quel chiesaiolo di Kakà (questa parte non c’entra ma la volevo dire lo stesso)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: